IL MIO ESAGERAME ATTORNO AL FATTURATO PER L’INCAMICIATURA DELL’ULISSE #5

ovvero ecco le frasi che ho sottolineato (a puntate) durante la lettura dell’ Ulisse di James Joyce – è poi pieno di interiora e di organi interni, e in molti luoghi si indulge in modo quasi maniacale nella rappresentazione del loro funzionamento

.

Piazzista di carta assorbente. Lui fa il piazzista di inserzioni pubblicitarie. Uno degli ubriachi decifrò il nome: – Gli estremi si toccano. I cimiteri cinesi con piantagioni di papaveri giganti producono il miglior oppio m’ha detto Mastiansky. Ogni uomo ha il suo prezzo. Con ringraziamenti. Penso che il terreno s’ingrasserebbe ben concimato di cadaveri, ossa, carne, unghie, fosse comuni. Spaventoso. Poi cominciano a diventar neri e ne cola fuori una melassa. Naturalmente le cellule o come diavolo si chiamano seguitano a vivere. Si ricombinano. Praticamente non smettono mai di vivere. Niente da mangiare mangiano se stesse. Devono generare un fottìo di vermi. Il terreno ne deve pullulare. La testa te la fa proprio girrare. Quelle belle ragazze in riva al marre. Ai morti poi agli uomini almeno piacerebbe sentire una barzelletta o due e le donne sapere le ultime sulla moda. Dicono che Robinson Crusoe è realistico. Bene allora lo seppellì Venerdì. Ogni Venerdì seppellisce un Giovedì a pensarci bene. Seppellitemi nella mia terra natìa. Sciocca superstizione quella del 13. Pausa. Se a un tratto tutti fossimo qualcun altro. Anche il povero babbo se ne andò via. Pensa mai al buco che lo attende? Dovrebbe esserci una legge fare un buco nel cuore ed accertare o una sveglia elettrica o un telefono nella bara e un qualche tipo di presa d’aria di tela. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Ah, i nomi. Ma li conosce tutti. Il suo nome di battesimo, scusi. Non mi ricordo bene. Be’ per tutti i. Entrato nel riposo dicono i protestanti. Mettere un grammofono in ogni tomba o tenerne uno a casa. La domenica dopo pranzo. Metti un po’ su il povero trisnonno. Craaaac! Prontoprontopronto sono felicissimo crac sonstrafelice… strafelicerivedervi prontoprontopronto sono feli poprszs. Un cadavere è carne andata a male. Annegare dicono che è il più piacevole. Le lunghe forbici di Red Murray tagliarono via l’inserzione dal giornale con 4 colpi netti. Forbici e colla. Pieghe grasse del collo, grasso, collo, grasso, collo. La porta dell’ufficio di Ruttledge mormorava: iii: criii. Fanno sempre una porta di fronte all’altra perché il vento. Entrata. Uscita. È CON SINCERO RAMMARICO CHE ANNUNCIAMO LA SCOMPARSA DI UN EMINENTE CITTADINO DUBLINESE.  Macchine. Ti riducono in briciole un uomo se lo afferrano. Oggi governano il mondo. COME SI PRODUCE UN GRANDE ORGANO QUOTIDIANO. Un settimanale si regge sulle inserzioni pubblicitarie e sulle rubriche accessorie e non sulle notizie stantìe della gazzetta ufficiale. La nota personale S.T.F. Soprattutto tante fotografie.