LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #6

[segue da 5.]

batteva le ali lieve

tra rovi e foglie secche

in un lampo turchese

sbranava tre bistecche

era il martin pescatore

strappa gli occhi al martin pescatore

fingi di essere un abbattitore

o almeno un abburatore

di certo un accecatore

scarica l’acceleratore

combatti l’accentratore

dimentica di essere un accettatore

ricorda che l’accordatore

non è un accumulatore

ricusa l’accusatore

dimentica l’addestratore

è solo un addomesticatore

tonifica l’adduttore

è un buon agevolatore

respinge l’aggressore

ma se sei un agitatore

hai collegato l’alimentatore?

è un giallo non giallo la verità dell’alligatore

è arrivato l’ambasciatore

seguito dall’ammaestratore

al servizio dell’ammaliatore

in difesa dell’ammortizzatore

c’è già stato il grande animatore

responsabilità dell’appaltatore

sono un buon argomentatore?

o solo un arrampicatore

quanto costa un assessore?

taci attentatore

travestito da autore

mero avversatore

di chi ti è benefattore

pochi cenni sul carburatore

qualcuno in più sul caricatore

una parola che mi piace è catalizzatore

è più adatta ora cloroformizzatore

semplice collaboratore

padre indiscusso del pensiero conservatore

dalla parte del consumatore

avvisa il controllore

delegittima il corruttore

sarai mica un cospiratore

il minimo comune denominatore

esplode il depuratore

querela il diffamatore

un incredibile disonore

il laboratorio del dittatore

questi versi non saranno un errore?

si discolpa il semplice esecutore

esploratore essiccatore

estensore esteriore

non utilizzare l’estintore

eversore falsificatore

con manie da favoleggiatore

fammi il favore

in tutto questo fetore

non comportarti da fiancheggiatore

o – guarda che è uguale – giustificatore

attenzione all’imbonitore

che si dà arie da imperatore

padre pio era un impostore

la risposta all’intervistatore

l’extracomunitario è un invasore

l’ipnotizzatore irradiatore

istigatore istitutore

rispettare il legislatore

è la regola caro lettore

non aspettarti un liberatore

che non sia un liquidatore littore

o semplicemente un livellatore

a malincuore

con volontà da manipolatore

disturbare il manovratore

(media)tore mistificatore

mitragliatore moderatore

molestatore monsignore

motteggiatore multicolore

nossignore

non sentite uno strano odore?

l’oratore vi fa orrore?

non è altro che un osservatore

né il migliore né il peggiore

il capitale si appropria del plusvalore

malatesta come precettore

propulsore non provocatore

detto ovviamente con pudore

sferra il colpo il canguro pugilatore

ci stava un verso purificatore

altrimenti il questore

spegneva il ripetitore

cercando il verso risolutore

più che ristoratore risuscitatore

di qualcosa rivelatore

rivendicatore di rumore

sabotatore sbeffeggiatore

sta finendo ne avete il sentore

comunque niente discorsi da superiore

solo spegnete il televisore

uscite di casa senza timore

se esci parli discuti non sei un trasgressore

diventa anche tu un trasmettitore

trimotore trivellatore

del tuo pensiero unico vettore

la canzone forse perde vigore

e allora basta visitatore

volteggiatore voratore

votatore zelatore

zimbellatore zirlatore

zolfatore zufolatore


LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #5

[segue da 4.]

a caccia andavano a caccia

i precari degli enti locali

ma non trovavano caccia

ma non trovavano preda

allora ripiegavano sulla fiera internazionale di arte contemporanea

la mostra mercato di arte contemporanea

un tipo si vedeva che era pieno di soldi

un po’ grasso diceva a una strafiga

ci andiamo a prendere uno champagnino eh

allora si sentivano a disagio in mezzo all’arte contemporanea

e pensavano che arte

è una parola troppo levigata

troppo rifinita

troppo comprensiva

troppo affermativa

troppo difensiva

troppo comunicativa

troppo apprensiva

troppo persuasiva

troppo prerogativa

troppo ispirata

troppo aborigena

troppo moderna

troppo contemporanea

troppo suddivisa

troppo promossa

troppo permanente

troppo cult

troppo in vetrina

troppo esposta

troppo ufficiale

troppo in mostra

troppo virtuale

troppo organizzata

troppo importante

troppo autentica

venuta in mente la parola artismo

da preferire forse pensavano a autismo

un disturbo che interessa la funzione cerebrale

una marcata diminuzione dell’integrazione sociale

e della comunicazione

che questi giovani rappresentano è una mancanza

di percezione dello spirito del tempo e una assai forte

percezione delle forze economiche

premetto che vorrei rimanere anonima diceva

i servizi a cui i servi della gleba erano obbligati diceva

sono considerato come proprietà di un altro individuo

potrei essere oggetto di ritorsioni anche gravi

va precisato però che a differenza della schiavitù

si può autonomamente riconoscere

o meno alla stagista una retribuzione

si è obbligati a determinate prestazioni sì

che non avevano un carattere generico ma erano

precisamente definite inoltre con i servi della gleba

si ha diritto a sfruttarne il lavoro senza fornire nessun compenso sì

se si ha un’etica dell’impegno spiccata lo si fa sì

diversamente dagli schiavi non venivano

considerati cose ma persone avevano

credito formativo che consiste in una qualificata esperienza

il diritto alla proprietà privata

sebbene limitata ai beni mobili

potevano sposarsi avere figli ai quali lasciare

un’eredità come rimborso spese

ok ma

come scriverlo affinché abbia la possibilità di un’azione diretta

come lo scrivo come possono fare queste parole a avere un’azione diretta

scrivere in modo da avere la possibilità di un agire diretto

smania di volere credere di scrivere come in vista di

di una poesia concreta e rivolta verso la ricerca di un impatto politico

pensava alla maniera in cui scrivere in vista di una qualche azione diretta

procedimento > scrivere > azione diretta

fine della parentesi problematica

segue modello curriculum vitae efficace per trovare lavoro

informazioni personali

occupazione desiderata/settore professionale

esperienza professionale

principali attività e responsabilità

tipo di attività o settore

istruzione e formazione

principali tematiche/competenze professionali possedute

livello nella classificazione nazionale o internazionale

capacità e competenze personali

capacità e competenze sociali

capacità e competenze organizzative

capacità e competenze informatiche

capacità e competenze artistiche

altre capacità e competenze

patente

in allegato griglia per l’autovalutazione

riesco a riconoscere

riesco a capire

non ho nessuna difficoltà a capire

riesco a leggere

riesco a interagire

riesco a comunicare

riesco a affrontare

riesco a esprimermi

riesco a scrivere

riesco a prendere

riesco a presentare

e adesso voglio costringervi a ascoltare

il mio penultimo esperimento di vita

nota

in originale i versi qui procedevano a scalini

ma il blog conosce

solo

tre

posizioni

riduzione a 3

che racchiude diverse implicazioni

la trinità la triade la trilaterale

tanto per dire

come hai fatto ad accorgertene diceva

ho rivoltato gli occhi diceva

e così l’ho visto subito e adesso

posso cantare la canzone del martin pescatore

[5. continua]


LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #4

[segue da 3.]

non perdere tempo e prendi

comunque le condizioni per spendere

l’esperienza maturata con noi che

offriamo un ambiente stimolante

giovane accogliente e ricco

di valori oltre che capace di

come è potuto succedere diceva

le lezioni della scuola di chicago comunque

è proprio che siamo stati disinnescati

e adesso partecipiamo tutti al grande stage

dove impariamo a essere schiavi

impariamo a rispettare il capo

impariamo a consolidare i ricavi

impariamo a seguire le indicazioni

impariamo il dovere di riservatezza sui processi produttivi

impariamo a rispettare i regolamenti aziendali

impariamo a valorizzarci

impariamo a neutralizzare le persone

impariamo osservando i professionisti

impariamo a ridisegnare città e prodotti

impariamo a delegare tutto ciò che è delegabile

impariamo una ginnastica d’obbedienza

impariamo il senso della violenza

i contatti sono importanti i contatti non dimenticarlo mai

questo è un problema diverso

senza dubbio il nostro tempo

preferisce l’immagine alla cosa

e ti offre tantissime opportunità di vincita

il problema è completamente diverso

non farti ingannare

con soli 2 euro e un pizzico di fortuna

grafica di forte impatto e una tematica

ad alto contenuto di suspense

chi non ha sempre sognato di realizzare i desideri nascosti

da oggi finalmente è possibile

vincere contemporaneamente un superpremio una rendita

e un bonus finale unico al mondo nel suo genere

senza mai illudersi che sia la soluzione

per cambiare la propria vita

pausa

ieri notte ho sognato qualcosa che spero di comprendere

fra qualche giorno diceva

ho sognato di dare martellate a un piccione

era bianco forse un colombo

non ricordo se era un martello

comunque dopo la botta in testa

come nei cartoni la testa pulsava

e poi il piccione aveva ora una testa gigante

è scappato io speravo non tornasse più nel sogno

che se lo vedevo mi prendeva male

per fortuna non è tornata più

la tipa del centro per l’impiego

sportello uno diceva

da adesso è nel database significa

che lo stato la riconosce come inoccupato

ha anche lei ora un posto nella società

su iniziativa del collettivo

génération précaire un gruppo

di giovani stagisti ha indetto

un mese di manifestazioni

per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica

ai tempi di comesichiama pure a palermo si poteva

il discorso è un discorso tanto complesso quanto ovvio

non c’era nessun re

e nemmeno imperatore

solo uno stato corporativista

gruppi politici e aziendali

si sono semplicemente fusi insieme

scambiandosi favori per assicurarsi

il diritto di appropriarsi di risorse

prima di pubblico dominio

nella speranza di trovare l’agognato

un esercito in continua crescita

siamo un milione e non abbiamo nessun diritto

cappuccio bianco a coprire il viso

abiti neri e una catena a tenerli in fila

non avevano capito che si trattava di teatro

una riflessione sulla realtà

nei cortei gli stagisti e le stagiste

si sono improvvisamente accasciati al suolo

a tempo indeterminato

[4. continua]


LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #3

[segue da 2.]

se volete sapere che fine ha fatto

la stagista  chiedete alla signora

che collaborerà con il team che si occupa

che  farete quando

dio verrà a visitarvi era scritto

sul cartellone sulla strada

dopo il giuramento ricevevano una tastiera

scrivevano una missiva

cercavo un lavoro e invece ho trovato dio

mi permetto di scrivere per portare alla vostra attenzione

mai come nei nostri tempi la famiglia vive in modo precario

sotto tutti i punti di vista anche  l’intera

società ne soffre il nostro creatore ha fatto scrivere consigli utili

su come tutti i suoi componenti dovrebbero comportarsi

saremo lieti di aiutarvi tramite uno studio biblico gratuito

augurando una buona lettura saluto cordialmente

stanotte ho avuto gli incubi

cercavo lavoro ma tutti ridevano

ma arrivare a ottenere il tesserino

ho lasciato roma per milano anzi

da un giorno all’altro il titolare

ci farebbe piacere darti tessera gratuita associativa

tanta voglia di fare esperienza

e un interesse particolare per l’africa

aggiungi al carrello

e ora gli veniva incontro

la loro amica ormai licenziata

la madre che la sentiva

di molto si rallegrava

quest’anno era felice perché

la tv estiva non faceva pena

o care madri d’italia

ben presto vi pentirete

e i vostri figli ancor vedrete

abbandonare il casolare

se tu lavori pensaci

fai 40 euro ogni contratto

se però fai i contatti di sabato

se fai un contratto di sabato sono 15 euro in più

su un contratto se ne fai due

20 euro se ne fai tre 25

siccome c’è un bonus per incoraggiarci

se noi facevamo quattro contratti

ti danno 150 euro di sovrappiù

per diventare leader che è il livello

successivo a quello in cui siamo noi

che è il contratto a progetto

bisogna fare cinque contratti

in una settimana

qual è il vantaggio del leader

che tu puoi formare tre persone

che non posso dire

quello che voglio non posso

parlareeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

quando piangere lo vedeva

la causa voleva sapere

e cominciava a domandare

cosa state facendo

stiamo analizzando il paesaggio

[3. continua]


LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #2

[segue da 1.]

somministrazione di lavoro diceva

partecipa ai colloqui di orientamento professionale

bisogna allenare l’arte di comunicare

per lavoro e per diletto

questa risposta le dava

richiesto il giudizio dell’oracolo

il creativo è forte

l’eccitante produce movimento

ringraziamento all’oracolo

a caccia andava da solo

a caccia per l’intera città

sette leghe ha camminato

non ha trovato lavoro

il portale dello stage offre opportunità

leggeva se lo stage è obbligatorio

è meglio detto tirocinio

o praticantato diceva

in risposta alla domanda non espressa

così si chiudeva con lui in una sala

e si faceva raccontare

ho paura dei complotti

e dei messaggi subliminali

delle bombe nelle piazze

degli infiltrati nelle manifestazioni

degli agenti provocatori pronti a tutto

dei negozi che vanno a fuoco

del consenso popolare

del suono delle sirene

dei bambini indottrinati

delle strade insanguinate

perdìo vi prego signori

ora statemi a ascoltare

è la ricetta democratica spegnere la fiamma

prima che divampi l’incendio

ma di trovare lavoro

ancora ci credeva

dicendo queste parole

cominciava poi a parlare

l’interessato ha il diritto di opporsi al futuro

con fiducia e ottimismo pronto

a battersi per la patria

rischiando la vita per il comune

nemico per il tanto lavoro

e i successi e tutti i giorni

è così ha fatto nascere l’italia unire

tutti gli italiani d’italia il grande

animatore del nuovo rituale collettivo

a sperare nel futuro avanguardia

e portabandiera aggiungi al carrello

non potevo fare altro che guardare

[2. continua]


LA BALLATA DELLO STAGISTA 3.0 #1

proprio al tempo che viveva
più felice e spensierato
proprio al tempo che viveva
più felice e spensierato
proprio al tempo che viveva
più felice e spensierato
proprio al tempo che viveva
più felice e spensierato
proprio al tempo che viveva
più felice e spensierato
cominciava a farsi sentire il bisogno
di flessibilità nei rapporti di lavoro
sentito questo di pena
in terra è caduto
e da allora per due ore
non è più tornato in sè
appena i sensi ritrovava
con le lacrime negli occhi
piangendo diceva così
già mentre studiavo mi ero resa conto
che non mi sentivo portata
io invece avrei preferito
nei giorni in cui cercavo lavoro
vagavo da una parte all’altra della città
tutte le agenzie mi dicevano la stessa cosa
ora forse mio padre vorrebbe
stava facendo la siesta
con un’espressione piuttosto annoiata
e un giornale in mano
l’interessata ha il diritto
di opporsi diceva
con quella che sembrava la frase
conclusiva di un discorso
di cui non aveva afferrato l’inizio
[1. continua]