IL MIO ESAGERAME ATTORNO ALLA FATTISPECIE PER L’INCAGLIAMENTO DELL’ULISSE #6

ovvero ecco le frasi che ho sottolineato (a puntate) durante la lettura dell’ Ulisse di James Joyce – l’ Ulisse avrebbe dovuto essere pubblicato da un buon editor, diceva uno nel 2004

.

3 scellini gli ho prestati da Meagher. 3 settimane. Terza allusione che gli faccio. VEDIAMO IL PIAZZISTA AL LAVORO. Allusione al governo autonomo. Forse potrei chiedergli la pronuncia di quel voglio. Eccetera. Vuole essere sicuro dell’ortografia. Febbre delle bozze. È divertente vedere l’impar una erre eggiabile imbara una o due erre? Cimiterio ce lo ficca dentro per via del camino del crematorio, naturalmente. Sllt. Quasi umano il modo in cui fa sllt per richiamare l’attenzione. Fan tutto quello che possono per parlare. Tutte le cose parlano a loro modo. Sllt. Dov’è comesichiama? Sembra tutto un po’ sciocco finché non ne hai visto bene il fondo. Vuol dire giustizia ma fatto sta che tutti si mangiano tra di loro. È la vita dopo tutto. Ned Lambert, seduto sulla tavola, seguitò a leggere. Che ne dici come stile aulico? Tutta retorica. Vesciche piene d’aria. CONCISO MA APPROPRIATO. Patria di chi? disse semplicemente Mr Bloom. Domanda pertinentissima, disse il professore tra un boccone e l’altro. Con l’accento sul di chi. Una storia è buona finché non ne senti un’altra. 28… No, 20… quattro quattro… Sì. NE SEGUE UNO SCONTRO. Imperium romanum, disse gentilmente J. J. O’Molloy. Suona più nobile di British o Brixton. La parola fa pensare allo sfrigolìo del grasso nel fuoco. Aspettate un momento, non ci dobbiamo lasciar trasportare dalle parole, dal suono delle parole. Prima il mio indovinello, disse Lenehan. Siete pronti? ??? Io insegno la reboante lingua latina. Parlo la lingua di una razza che ha come espressione culminante della sua mentalità la massima: il tempo è denaro. Dominio materiale. Dominus! Signore! Dov’è la spiritualità? DI TUTTO UN PO’. Lo può fare. Le si legge in faccia. Nel lessico della giovinezza… Legge in faccia. Legge negli occhi. Tutti possiamo fornire pascolo mentale, disse Mr O’Madden Burke. Il dito saltellava da un punto all’altro soffermandosi, vibrando. Incubo da cui mai ci si sveglierà. Madama, sono Adamo. Ed ero Abele abile all’alba prima di veder l’Elba. Tutto da un’inserzione pubblicitaria. Questa è la stampa. Il padre del giornalismo a sensazione, confermò Lenehan, e cognato di Chris Callinan. Intelledettamente maligente, disse Lenehan a Mr O’Madden Burke. RIME E RAGIONI. Bocca, scocca. È la bocca forse che scocca? Oppure scocca nella bocca? Dev’essere così. Scocca, cocca, tocca, brocca, filastrocca. Ha parlato di me. Che ha detto? Che ha detto? Che ha detto di me? Non chiederlo. In breve, per quel che mi ricordo, le sue parole furono queste. Perché voi ebrei non volete accettare la nostra cultura, la nostra religione e la nostra lingua?

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...