IL MIO ESAGERAME INTORNO ALLA FATTICIZZAZIONE PER L’INCANTAZIONE DELL’ULISSE #2

ovvero ecco le frasi che ho sottolineato (a puntate) durante la lettura dell’ Ulisse di James Joyce – complicato dal senso di colpa e reso tagliente dal sarcasmo

.

Per imparare, piuttosto, disse Stephen. Sono qui per leggere le segnature di tutte le cose. Ma lui aggiunge: nei corpi. Chiudi gli occhi e vedrai. Apri gli occhi. No. Gesù! Il ritmo attacca, vedi. Apri gli occhi ora. Lo farò. Un momento. È tutto scomparso da allora? Voglio vedere se posso vedere. Creazione dal nulla. Un aborto con un cordone ombelicale strasciconi. È questa dunque la divina sostanza entro la quale il Padre e il Figlio sono consustanziali? Che si batta tutta la vita contro la contransmagnificagiudotambanzialità. E e e e dicci un po’ Stephen, come sta zio Sì? E quando leggevi 2 pagine per ciascuno di 7 libri ogni sera, eh? Moi je suis socialiste. Je ne crois pas en l’existence de Dieu. Faut pas le dire à mon père. Il croit? Mon père, oui. Mamma morente torna a casa papà. Il tuo postprandiale, la conosci questa parola? Postprandiale. Sei figlio di tuo padre. Riconosco la voce. Il bagno è cosa molto personale. La conosce la vecchia canzone? S’era avvicinato all’orlo del mare –, mentre i piedi ricominciavano ad affondare lentamente in nuove buche. Non ci andrò a dormire quando calerà questa notte. Prendere tutto, tenere tutto. Queste grevi sabbie sono linguaggio che la marea e il vento hanno stacciato qui. Ucci, ucci. Sssento odor d’irlandesucci. Rispetta la sua libertà. Non sarai padrone degli altri o loro schiavo. Non sappiamo che farcene delle tue astrusaggini medievali. La verità, sputala fuori. Lo vorrei. Proverei. Non sono un gran nuotatore. Vedi la marea che rifluisce prestamente da tutte le parti. Qui giace il corpo d’un povero corpodicane. I semplici piaceri dei poveri. Chi mai dovechessia leggerà queste parole scritte? Segni in campo bianco. Voi trovate oscure le mie parole. L’oscurità è nelle vostre anime, non vi pare? Più flautata. Ascolta: una frase ondosa di 4 parole: siisuu, hrss, rssiiiss uuus. Dio diventa uomo diventa pesce diventa oca bernacla diventa montagna del letto di piuma. Morte marina, la più mite di tutte le morti note all’uomo. Il Vecchio Padre Oceano. Prix de Paris: guardarsi dalle imitazioni. Provare per credere. Ci siamo divertiti immensamente. Di tutto quel lieto anno nuovo, mammà, taratà, taratà, taratà! Kinch sdentato, il superuomo. Perché mai, vorrei sapere, o c’è forse un significato? Gli piaceva la spessa minestra di rigaglie, gozzi piccanti, un cuore ripieno arrosto, fette di fegato impanate e fritte, uova di merluzzo fritte. Vengo dalla gavetta, signore, e ne sono fiero. La scritta sudaticcia nell’interno del cappello gli disse muta: Plasto i migliori capp. Vagabondare tutto il giorno. Abbicci dieffegi cappellemmenne opicu errestiuvu vu doppio. Ecco come-si-chiama che esce da. Come va? Non mi vede. Così in cielo come in terra.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...