BALLATA SERIALE #43

il vicequestore palizzi vende la sua persona a altre persone che cercano buoni investimenti – noi siamo il poker – il vicequestore  deve ricorrere alle telecamere per chiarire – il tic degli occhi si faceva più insistente – altrimenti non ha senso tutto questo – non è dato sapere come il vicequestore abbia reagito –  la voce è un fatto di flusso

in unepoca che ha dimenticato

come si pensa storicamente

il vicequestore era disperso

nonsodove dopo un esperimento

nome in codice dellesperimento

incubo virtuale maggiore

obiettivo dellesperimento

la profonda materialità  che sta alla base di tutte le cose

era un percorso che conosceva

a memoria soltanto che quando

doveva alzarsi un po ’  per spelancare

verso il ghiaccio là sbagliava

forse il vento lo spostava nel salire

andava di traverso m ò  scendeva pensava

invece sbagliava come uno scemo come

un cretino faceva un giro 3 ore

a camminare didin didin sotto e sopra

a me interessa laspetto pratico

diceva non raccontare delle storie

però loro dicevano che non si potevano

sollevare con lelicottero come faccio

a sapere dove sto se io sapessi

non avrei chiamato unitevi a me

in questo tour virtuale attraverso il quale

scoprirete ciò che abbiamo scoperto

in merito alla natura umana

avviso di pubblica utilità

puoi dire addio davvero e per sempre

alla linea fissa e alle attese inutili

in pochi giorni sei attivo e ti liberi

finalmente da tutti i costi del passato

e quando non si può più camminare

non resta che volare la mano di cera

si rialzava senza forza poi ricadeva

stanca sulle ginocchia il vicequestore

abbozzava 2 o 3 strani passi di danza

la tecnologia interveniva sugli organi

strati di immagini video si depositavano

sul corpo del danzatore apportando

occhi membra e bocche che lo deformavano

senza però intaccarlo fisicamente

allargava le braccia senza ragione

uno che lo racconta dice che non

ci crede poi si afflosciava si disfaceva

finché restava solo una catasta di legna

qual è il problema

il problema è determinare il gioco

non subirlo in un angolo asettico

dello stabilimento erano già al lavoro

diverse autrici italiane e americane

e tutte scrivevano trilogie poi certo

qualcuno ogni tanto leggermente dissente

il vicequestore ritornava alla forma umana

beveva piano piano un bicchiere di latte

i suoi occhi roteavano vertiginosa

mente la luce dei neon era intenta

a modificare il sapore della bevanda

conferendole quel retrogusto stantio

[43. continua]

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...