LA CACCIA AL SERPUALO #5

terzo canto

il racconto del fornaio

.

Lo rianimarono coi muffin – lo rianimarono col ghiaccio;

Lo rianimarono con mostarda e crescione;

Lo rianimarono con marmellata e un consiglio saggio:

Lo farcirono di indovinelli senza soluzione.

.

Quando alla fine si mise seduto e riusciva a parlare,

Si offrì di raccontare la sua triste storia;

E il Banditore gridò “Silenzio! Neanche un fischio voglio ascoltare!”

E suonò la campanella con boria.

.

C’era silenzio assoluto! Non un urlo, non un rumore,

A stento un mugolio o un borbottio strano,

Non appena l’uomo che chiamavano “Ou!” raccontò la sua storia di dolore

In tono antidiluviano.

.

Mio padre e mia madre erano onesti, anche se molto poveri –”.

Sta parte saltala!” gridò in fretta il Banditore.

Appena la sera porta il buio in regalo, non hai chance con un Serpualo –

Perdere anche un minuto sarebbe un errore!”.

.

Allora salto 40 anni”, disse il Fornaio, piangendo come un vitello,

E procedo senza più divagare

Fino al giorno in cui mi hai preso a bordo del battello

Per aiutare il Serpualo a catturare.

.

Un mio caro zio (da cui il nome ho preso)

Rimarcò, mentre gli dicevo addio –”.

E saltala la parte dello zio!” il Banditore esclamò sorpreso,

Suonando la campanella con un brusio.

.

Rimarcò dunque a me”, riprese il più gentile degli umani,

«Se il tuo Serpualo è un Serpualo, il dubbio è poco:

Portatelo a casa con qualche trovata – puoi servirlo con l’insalata,

Ed è perfetto per accendere un fuoco.

.

«Puoi cercarlo con i ditali – e cercarlo con attenzione;

Puoi dargli la caccia con forchette e speranza;

Puoi minacciarlo con un binario della stazione;

Puoi incantarlo con sorrisi e sapone a oltranza–»”.

.

(“Ecco il metodo esatto,” il Banditore spericolato

Fra frettolose parentesi gridava,

Ecco la maniera in cui mi hanno sempre informato

Di come un Serpualo si catturava!”)

.

«Tuttavia, radioso nipote, stai bene attento,

Se il tuo Serpualo è un Boojum! In quel caso

Dolcemente e all’improvviso sparirai in un momento,

E di incontrarlo mai più sarai persuaso!»

.

È questo, è questo che l’anima mia srotola,

Quando penso alle ultime parole del parente:

E il mio cuore sembra quasi una ciotola

Che trabocca di latte fetente!

.

È questo, è questo –”. “L’abbiamo capito, ascolta!”.

Il Banditore disse sdegnato.

E il Fornaio replicò, “Lasciamelo dire un’altra volta.

È questo, è questo che mi ha scioccato!

.

Il Serpualo affronto – ogni notte dopo il tramonto –

Nel sogno in una lotta delirante:

Lo servo con l’insalata in quella scena annebbiata,

E lo uso per accendere un fuoco traballante;

.

Ma se mai incontrassi un Boojum, quel giorno,

In un momento (di questo son sicuro),

Dolcemente e all’improvviso mi leverei di torno –

È un’idea che non posso sopportare, giuro!”.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...