M.C. LU – HAN RMX

marshall mcluhan non è per niente un invisibile, però mi sembra che sia evocato sempre in maniera abbastanza astratta – avevo i suoi libri ma li ho letti solo dopo molto tempo – frasi da google oggi non se ne trovano

nel 1964 c’era chi aveva già capito quasi tutto | solo, pensava che il denaro (come la scrittura!) fosse qualcosa di naturale, di non-imposto | pur divenendo sempre più astratto | c’è anche il dramma eccitante del mercanteggiare | comunque

la velocità elettrica mescola le culture della preistoria con i sedimenti delle civiltà industriali, l’analfabeta con il semialfabeta con il postalfabeta | nessun medium esiste e ha significato da solo, ma soltanto in continuo rapporto con altri media | un medium freddo come la tv, se adoperato nel modo giusto, esige una partecipazione al processo | intere culture potrebbero essere programmate in modo da mantenere la stabilità del loro clima emozionale | insomma il riscaldamento di un unico senso tende a produrre ipnosi mentre il raffreddamento di tutti i sensi tende a sfociare nell’allucinazione|

il fatto che l’alfabeto fonetico abbia dato all’uomo un occhio in cambio di un orecchio rappresenta probabilmente, sul piano sociale e politico, la più radicale esplosione che si possa dare in una struttura sociale | quella sorta di esplosione dell’occhio viene comunemente chiamata occidentalizzazione | le nostre vite personali e collettive sono diventate processi d’informazione proprio perché con la tecnologia elettrica abbiamo posto fuori di noi il nostro sistema nervoso centrale | il momento dell’incontro tra i media è un momento di libertà e di scioglimento dallo stato di trance e di torpore da essi imposto ai nostri sensi |

la tecnologia elettromagnetica richiede dall’uomo una docilità profonda e la quiete della meditazione, come s’addice a un organismo che ha ora il cervello fuori dal cranio e i nervi fuori dalla pelle | cedere occhi orecchi e nervi a interessi commerciali è come consegnare il linguaggio comune a un’azienda privata o dare in monopolio a una società l’atmosfera terrestre |

ogni volta che si verifica un’accelerazione, il nuovo potere centrale agisce in modo da omogeneizzare quante più aree marginali è possibile | ogni nuova tecnologia genera indirettamente in noi un nuovo equilibrio che fa nascere tecnologie nuove | la parola conferisce il potere di staccarsi dall’ambiente e quindi una grande mobilità nella conoscenza dell’ambiente stesso | in un mondo non alfabeta comunque non esiste il concetto di lavoro |

l’orologio è una macchina che produce ore, minuti e secondi uniformi secondo lo schema della catena di montaggio | l’uniformità s’estese anche ai territori del discorso e della scrittura, portando a un unico tono e a un unico atteggiamento nei confronti del lettore e del soggetto in tutta una composizione – nasceva così ‘l’uomo di lettere’ | con la fotografia gli uomini hanno scoperto il modo di rappresentare rapporti visivi senza una sintassi |

il mosaico è la forma dell’immagine collettiva e impone una partecipazione in profondità, che è della comunità più che dell’individuo e inclusiva più che esclusiva | come le api per il mondo vegetale, gli uomini sono sempre stati gli organi sessuali del mondo tecnologico | l’industria pubblicitaria è un rozzo tentativo di estendere i principi dell’automazione a ogni aspetto della società | può darsi che la fondamentale ragion d’essere di tutto questo sia proprio l’assalto all’inconscio |

nel gioco e nel divertimento ritroviamo l’integrità di quella persona che nel mondo del lavoro quotidiano e nell’esercizio della professione può utilizzare soltanto un piccolo settore del proprio essere | la grande arte non è una reazione, bensì un riesame in profondità di una complessa situazione culturale | il reparto ricerche di una grossa azienda è una specie di laboratorio per isolare i virus pericolosi | perché il telefono, a differenza della pagina scritta o stampata, esige una partecipazione completa | con la tv lo spettatore è lo schermo | uno dei fenomeni più significativi dell’era elettrica consiste nel creare una rete globale che ha molte delle caratteristiche del nostro sistema nervoso centrale, il quale non è soltanto una rete elettrica ma un campo unificato di esperienza | l’era elettronica è letteralmente un’epoca di illuminazione |

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...