FONDATA (SULLA MORTE) SUL LAVORO

una delle mie prime composizioni – montaggio ancora dualistico – lo schifoso applauso di confindustria, seguito dagli imbarazzati silenzi di centrosinistra e sindacati – la poesia è del 2009, non è cambiato niente: dall’inizio del 2011 ci sono stati 230 morti sul lavoro, 435 se si aggiungono i lavoratori deceduti sulle strade e in itinere – e alla televisione non dicono niente

sono stati da più parti posti quesiti per conoscere

in un trituratore di vegetali

alla luce dell’adozione della direttiva

da 3,5 metri di altezza durante un sopralluogo

dell’emanazione del relativo decreto legislativo

schiacciato tra un carrello trasportatore e una macchina punzonatrice

folgorato da cavi elettrici ad alta tensione

e della recente entrata in vigore del decreto

dall’esplosione di una bombola a gas

quando è saltato il cerchione colpendolo al volto

le disposizioni contenute nel

trafitto da una sbarra di ferro

sta tagliando un albero con una motosega

schiacciato da un carrello sollevatore

debbano considerarsi tuttora applicabili

stritolato dalla motozappa

impigliato nel rullo di un’imballatrice per il fieno

investito da lamiere in fiamme

preso atto delle considerazioni sull’argomento qui fatte pervenire

da una carriola precipitata per la rottura del cavo

stritolato da un cavo usato per l’irrigazione

tra due convogli del trenino sopraelevato

intossicato da un’esalazione di biossido di azoto

si ritiene opportuno precisare quanto segue

investito da un cingolato

per il cedimento di alcune lastre di eternit

le pareti sono crollate seppellendo i tre uomini

schiacciato da un rimorchio contro la motrice

per semplicità di trattazione si considererà il caso

travolto dal trattore

per le esalazioni liberatesi durante il lavaggio della cisterna

raggiunto da una scarica elettrica

travolto da un blocco di cemento in un cantiere edile

schiacciato da un pacco di tubi di acciaio

nulla appare immutato rispetto alle previsioni del citato decreto regio

al torace da una bombola di gas

schiacciato tra il trattore e lo spargiconcime

stritolato da una macchina impastatrice

da un’impastatrice per il mangime delle mucche

caduto dal cestello di un braccio mobile da un’altezza di 8 metri

a quanto precede va anche aggiunta la considerazione che

travolto da un muletto sollevatore

schiacciato da una pressa meccanica

travolto ed inghiottito da un’enorme massa di zucchero

schiacciata da una delle balle di fieno

da un lastrone di asfalto franato sulla strada

perde la vita in un tritamangime

mantenere l’obbligo di sorveglianza continua indifferentemente

schiacciato da un camion che faceva retromarcia

risucchiato dagli ingranaggi di un macchinario per l’estrazione della

per esposizione all’amianto

schiacciato contro il soffitto di un carrello elevatore

strozzato dalla sua maglia che si era incastrata

investita da una fiammata mentre stava lavorando con un solvente

per tutte le apparecchiature verrebbe a costituire un inammissibile

dilaniato dagli ingranaggi in cui era rimasto impigliato il maglione

la vita perché non gli viene rinnovato il contratto a termine

colpito dal braccio pompante di una betoniera

da un cancello elettrico scorrevole uscito dai binari

cadendo da 20 metri di altezza

sotto le macerie per la frana di una galleria

schiacciato tra un carrello trasportatore e una macchina punzonatrice

o per lo meno un fattore distorsivo della concorrenza

appare tuttavia utile rammentare che per tutte

indistintamente le apparecchiature in oggetto

antonio graziano andrea daniele

cristophe renato carmelo gaetano

jan cesare nando sergio

singh valter carlo giuseppe

arnaldo massimo maurizio isacco

ramdaui gerlando iadav alois

riza francesco ignoto luciano

costruite e messe in servizio in data antecedente all’entrata in vigore

omar ignoto rosario ignoto

domenico calogera erich amir

ranjit simone matteo wrinder

ignoto ignoto pasquale mustafa

luan massimiliano guido ludovico

ignoto cesarino emil rosario

gene angelo ettore vitaliy

quando queste siano commercializzate come idonee all’utilizzo

con assistenza non continua e secondo la periodicità determinata

pietro fejzi agostino otello

ignoto enzo espedito mohammed

dame alvaro nenad denis

leopoldo laurentiu hildetonio amabile

mustafa amghit raffaele raimondo

antonio koci sestilio misljimi

moreno vijai enrico ignoto

si osserva da ultimo che le procedure

tomorr arrigo guglielmo habelea

per la qualificazione del personale addetto all’assistenza

girolamo giuseppe silverio codurt

diego iuko craiu saadane

rimangono quelle stabilite dalla vigente regolamentazione

Annunci

One Comment on “FONDATA (SULLA MORTE) SUL LAVORO”

  1. Enzo Arcuri ha detto:

    Ciao Domenico sono Enzo complimenti per la tua ultima composizione , purtroppo un fenomeno che va a testimoniare il decadimento della nostra nazione, un problema ancora oggi messo da parte per fare post ai soldi, l’applauso della confidustria è stato un gesto che onestamente non riesco a trovare aggettivi per descriverlo.
    Purtroppoi partiti tutti sono delle Spa, destra-sinistra, basta pensare il sindaco di Torino(pd) è d’accordo al metodo Marchionni.
    Ti saluto con un pensiero: Ci dobbiamo riprendere i “nostri diritti”.
    Ciao è complimenti di nuovo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...